#92 Rewind & Fast Forward. Ovvero lettera a me stessa.

E ad un tratto ti ritrovi nella tua cameretta a casa dei tuoi a cercare quella maglietta che hai clamorosamente perso ma vuoi credere che sia in un angolo nascosto del tuo vecchio armadio. Infatti, alla fine la maglietta non la trovi – certo, l’hai persa – ma all’improvviso salta fuori una busta sigillata indirizzata a te. Ma com’è mai possibile che tu non l’abbia già aperta? È una delle tue cose preferite ricevere la posta. Vuoi vedere che l’ha ricevuta tua madre e non te lo ha mai detto? Ah, ma sta volta ti sente!

Così ti siedi sul tuo lettino e aspetti un attimo prima di aprirla perché c’è qualcosa che non quadra in quella busta. Ma che cosa? Beh, è un po’ stropicciata, ma questo non stupisce visto che era stipata sotto la qualunque sul fondo del tuo armadio. Certo che è un po’ vecchiotta. Ma che strano. E quando finalmente leggi bene il tuo nome scritto lì sopra, capisci tutto: quella è la tua calligrafia. E ti torna in mente tutto.

Tu, a 16 anni, seduta alla scrivania che devi fare i compiti di latino e che ovviamente non fai. Non c’era Facebook né robaccia simile, non esistevano distrazioni, ma tu le trovavi sempre. Infatti, quella volta hai deciso di scriverti una lettera. Ma mica una lettera qualunque, sai che palle. Quella volta hai scritto una lettera alla te del futuro. Ti ricordi perfettamente quel pomeriggio di maggio: senti ancora l’odore di cancelleria che saliva dal quaderno a quadretti e la ferocia che ti saliva nel cancellare parentesi graffe che non riuscivi mai a disegnare bene. E quell’illuminazione che ti ha fatto distrarre per qualche minuto.

Va beh, ma quanto ci metti ad aprire quella maledetta lettera!!

Martedì, 24 maggio 2005

Cara Me del Futuro,

quanti anni hai? Spero 30, perché secondo me a 30 anni sarò una figa da paura. E spero vivamente che tu lo sia. Mi spiego: innanzitutto devi avere i capelli molto belli e biondi. Sai, essere bionde è un atto di coraggio molto grande e ti spiego anche il perché (anche se sono sicura che tu lo sappia già, visto che comunque lo so io): ci sono molti pregiudizi nei confronti delle bionde, ad esempio non sanno parcheggiare, sono oche giulive ed estremamente stupide. Beh, tu che scegli di tingerti i capelli di biondo sei molto coraggiosa perché hai la stoffa per affrontare tutto questo. Oltretutto spero anche che tu abbia preso la patente e che sia riuscita a dimostrare che ok essere oche e stupide, ma se permetti sono in grado di parcheggiare.

Ma torniamo al punto in cui dico che spero che tu abbia 30 anni e che tu sia una figa da paura. Bionda quindi. E popstar (o attrice va bene uguale, ma meglio popstar). Se sei popstar, complimenti, sei davvero in gamba. Ti chiedo scusa se non ho mai preso lezioni di canto fino ad oggi, probabilmente avrai fatto fatica dato che in questo momento io non è che sia particolarmente intonata, ma con il computer ormai si aggiusta anche la voce, non c’è problema.

E poi, secondo i miei calcoli, te ne sei andata via da sto buco di culo di città. A quanto mi risulta, in questo momento ti dovresti trovare in uno di questi posti (in ordine di importanza):

  • New York
  • Los Angeles
  • Londra

Metti caso che non sei diventata popstar, e in questo caso avresti tutto il mio appoggio, spero vivamente che almeno tu sia diventata caporedattrice di una rivista superfiga tipo Cosmopolitan o Vogue (in una delle città sopraelencate, ovviamente). Secondo me vivi in un attico a Central Park, vai al lavoro in taxi e sei sempre vestita benissimo con i tacchi, le gonne e tutto il resto. Io credo molto nella tecnologia, quindi probabilmente nel frattempo avranno inventato delle scarpe con il tacco che siano bellissime e ultra comode. Non dovrebbe, quindi, essere un problema per te andare al lavoro con i tacchi e starci tutto il giorno. Infatti, dopo il lavoro, vai con le tue amiche bellissime (ma sempre un pochino meno di te) a fare l’aperitivo e a parlare di uomini. Ma guarda quello che figo, e invece quell’altro non è che sia propriamente bello ma ha quel non so che che ispira e blablabla. Frivolezze, insomma. Beh, tu sei una donna di successo e molto intelligente, potresti parlare di massimi sistemi per ore, ma lo sai benissimo anche tu che un po’ di chiacchiere leggere ogni tanto ci vogliono. Mi puoi pensare sempre a un casino di cose!!

Dimmi un po’, ti sei sposata? Io mi auguro proprio di no. A meno che non sei sposata con Johnny Depp, allora va bene. Guarda che non è così impossibile sposarsi con Johnny Depp… Calcolando il fatto che forse sei una popstar e sei una figa da paura, scusami tanto ma non ci sarebbe tanto da stupirsi. Ma che te lo scrivo a fare, se sei sposata con Johnny Depp vuol dire che ho capito tutto dalla vita e ho solo 16 anni. Comunque, in questo caso, brava! In caso contrario invece non dovresti essere sposata, perché tu comunque hai una carriera davanti e non puoi distrarti troppo. Oppure sì, magari con un avvocato biondo e bellissimo. L’importante comunque è che ti  voglia bene.

Per sposarsi comunque c’è tempo.

La mamma è appena uscita per fare la spesa, ti saluto che finalmente posso fumare una paglia.

Un abbraccio forte e in bocca al lupo per tutto

La Me del Passato

Ma come faccio a non amarmi?

brolla lettera.jpg

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...