#91 La Festa del Papà. Ovvero eroi.

Voi ve lo ricordate il vostro papà quando eravate piccoli? Io poco, ma io non mi ricordo mai niente. Se mi impegno e mi sforzo moltissimo però qualcosa mi torna in mente.

Tornava a casa dal lavoro distrutto e si coricava per terra per essere alla mia altezza e poter giocare con me. Mi lanciava in alto e io avevo paura di cadere ma lui mi prendeva sempre. Mi raccontava la favola di cappuccetto rosso e a metà si addormentava sempre. Voleva baciarmi ma la sua barba mi dava fastidio, così se la è tagliata. Con la paura di non saper controllare tutta la sua forza, tutti i gesti che faceva li faceva piano per non farmi male. Si sparava maratone di cartoni Disney anche se in quel momento c’era l’Italia al Sei Nazioni di Rugby.

Mi ha insegnato a nuotare, a tuffarmi di testa e tratteneva a fatica le risate quando io prendevo le panciate. Mi teneva sulle sue spalle anche se aveva il mal di schiena. Non mi sgridava quasi mai perché non ce la faceva, quando mi guardava si scioglieva.

Mi ha insegnato a rispettare e a farmi rispettare.

Mi ha protetta e io non avevo mai paura se lui era con me. Perché lui è un eroe. Ma per davvero.

Un eroe normale, per carità, non un super eroe. Grazie al cielo mio padre non è mai uscito di casa con un mantello rosso e non si è mai battuto con mostri giganti. Ma non perché non ne sarebbe capace, sia chiaro, semplicemente perché non li ha mai incontrati, altrimenti si batterebbe, potete starne certi.

È un eroe che tutte le mattine esce di casa, lavora come un matto e quando torna a casa, non so come fa, lui sorride.

È un eroe un po’ imbranato, perché quando cerca i calzini non li trova mai e la mamma invece li trova subito.

È un eroe perché al nostro matrimonio, nonostante la sua piccola lo se stesse ufficialmente lasciando, aveva il volto della fierezza.

È un eroe perché se si rompe qualcosa lui la aggiusta sempre. Magari non benissimo, però lo fa.

È il mio eroe. E se penso a un domani quando toccherà a noi avere a che fare con i nostri bambini, vorrei che avessero un papà come il mio.

Auguri papà.

0A7A0319.jpg
Ph. Cecilia Pratizzoli

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...