#63 Il matrimonio dei Brolli. Ovvero Grazie.

E poi arriva un momento in cui realizzi che, effettivamente, tutta quella roba lì che abbiamo scritto fino ad ora è successa veramente. E cioè: ci siamo sposati. E chi l’avrebbe mai detto? Beh, con tutto questo terrorismo mediatico che abbiamo fatto direi che bene o male se lo aspettassero tutti. Forse gli unici che alla fine non se lo aspettavano eravamo proprio noi.

Un giorno vi racconteremo di com’è sposarsi, nel senso proprio di cosa ti succede nelle budella mentre cammini verso l’altare o mentre baci le 130 persone presenti che arrivi ad un certo punto che saliva ciao ciao. E le foto, sì, vi faremo vedere anche le foto (sappiamo che avete cercato su google “foto matrimonio brolli”). Ma prima dobbiamo fare assolutamente una cosa, e cioè ringraziarvi tutti quanti, uno per uno. Dobbiamo proprio farlo perché noi ok che ci siamo sposati tra di noi, però alla fine con tutto sto amore che dilaga abbiamo sposato un pochino anche voi. perché vi amiamo.

E quindi GRAZIE. Di cuore.

Per primi vogliamo ringraziare tutte le meravigliose persone che hanno lavorato come pazzi solo per farci contenti:
Michele del Castello Ricevimenti, il suo ufficio al Café Blanco, il suo tonno scottato, le sue mozzarelle in carrozza, il suo Hugo, la sua tagliata di angus. Il suo compleanno, sua moglie e la sua bambina.
Le Pratizzoli, la loro caviglia, i loro obiettivi così vicini ma sempre discreti, la loro Elo, la loro bellissima Magdalena che è talmente bella che ti fa sentire bella anche a te. Il fatto che quando abbiamo fatto le foto sembrava che stessimo facendo un picnic nel prato in compagnia, solo che due erano vestiti da sposi.
Edo Acconciature che anche se non gli spieghi le cose lui le capisce sempre subito, che ti regge il vestito, che ti fa passare un bene che solo le persone sensibili come lui sanno passare.
Kado, la via dei fiori e la via dei sorrisi. I loro tulipani dell’Olanda, i loro profumi, la loro ansia di avere a che fare con una a cui non piace nemmeno un fiore. E che adesso invece le piacciono tutti.
E il Ghirigoro, con le Ghirigirls e i Ghiriboys, che io non lo so come fanno ma loro realizzano i sogni. Il bianco, i libri, il riso (nel senso del ridere). La Floriana nel senso che lei al posto del cuore ha un fiore. La Elisa che lei sorride sempre. Ale che ha la barba soffice come un cuscino e tu ci vuoi solo appoggiare le guance sopra e farci un pisolino.
Il coro che appena apre bocca piangi all’istante anche se cantano Cecco Velluto.

Pillo DJ che ha fatto ballare tutti quanti, anche quelli che non c’erano.

E poi ci sono i nostri testimoni:
Annalisa, Luca, Cate e Fede. Due fratelli di sangue, e gli altri due pure.
I nostri genitori che non so i vostri, ma i nostri sono sicuramente più belli.
Tutti gli zii del mondo.
Gli amici più amici del mondo, anche quelli che si sono mangiati chilometri pur di essere lì con noi.
Tutti voi che, in un modo o nell’altro, ci siete stati.

GRAZIE. Di cuore.

grazie

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...