#54 La scelta dei testimoni di nozze. Ovvero come partecipare ai casting.

Tra le varie figure che gravitano intorno agli sposi ce ne sono alcuni che sono molto molto importanti. Ci riferiamo ai testimoni di nozze, che per il matrimonio civile devono essere uno per sposo e per quello religioso devono essere due per sposo, e comunque fate un po’ come vi pare.

I testimoni hanno una duplice funzione: affettiva e giuridica.

FUNZIONE AFFETTIVA
Beh questa è facile: il testimone dovrà “vigilare” sul rapporto degli sposi e ricordare loro di quel giorno in cui erano tutti agghindati e si sono detti “sì lo voglio”. Quindi, cari testimoni, se un giorno vedrete che i Brolli si dimenticheranno del loro mega amore, ricordatevi di farci una bella lavata di capo e di rimetterci sulla diritta via. Bisogna pur dire che tra moglie e marito non di mette dito, senza parlare di mogli e buoi dei paesi tuoi. E attenzione, di venere e di marte non ci si sposa né si parte. Boh, qua è un casino di proverbi, giostratevela come meglio credete.

FUNZIONE GIURIDICA
In questo caso la situazione si fa più complicata, vi consiglio di tenere alla mano carta e penna per eventuali appunti.
Tutto è iniziato quando in una qualche occasione qualcuno ci ha chiesto: “ma i testimoni, che cosa sono di preciso?” Panico, hai presente quando al liceo ti chiedevano la prima declinazione di latino che sanno tutti tranne te? Ecco, noi uguale con la storia dei testimoni: occhi strabuzzati, nodo in gola: “Guarda, sono persone molto importante, non sto qua a spiegarti perché è lunga…” e ti salvi così in calcio d’angolo (in latino invece non riuscivi a salvarti e ti prendevi il tuo 3 a testa bassa). Così, una volta a casa, abbiamo aperto il dizionario per non farci mai più trovare impreparati:  te·sti·mò·ne /sostantivo maschile e femminile “assiste al riconoscimento di un’identità, di una condotta o alla formazione di altro atto pubblico, attestandone la validità e sottoscrivendolo”. Capito? Sì. Cioè nel senso… più o meno. Bene, per sfatare ogni dubbio prendiamo un po’ di testi di giurisprudenza. Nel codice Canonico (LIBRO QUARTO, PARTE PRIMA, TITOLO VII IL MATRIMONIO, CAPITOLO IV “IL CONSENSO MATRIMONIALE”) il Can. 1105 §2 recita: “Il mandato, perché sia valido, deve essere sottoscritto dal mandante e inoltre dal parroco o dall’Ordinario del luogo in cui il mandato viene dato o da un sacerdote delegato da uno di essi, o da almeno due testimoni; oppure deve essere fatto con documento autentico a norma del diritto civile”. E nel libro 1, Titolo IV, del codice civile l’art. 107 recita: “Nel giorno indicato dalle parti l’ufficiale dello stato civile, alla presenza di due testimoni, anche se parenti, dà lettura agli sposi degli articoli 143, 144 e 147; riceve da ciascuna delle parti personalmente, l’una dopo l’altra, la dichiarazione che esse si vogliono prendere rispettivamente in marito e in moglie, e di seguito dichiara che esse sono unite in matrimonio. L’atto di matrimonio deve essere compilato immediatamente dopo la celebrazione”.
Capito? No. Benissimo, ve lo spieghiamo noi che parliamo come mangiamo: i testimoni di nozze assistono alla formazione dell’atto pubblico del matrimonio.

Va beh raga, chissenefrega della legge, a noi ce ne frega di chi avete scelto per ricoprire il fantomatico ruolo del testimone. I Brolli sono stati afflitti da terribili momenti di indecisione profonda, così hanno deciso di indire un casting per scegliere i migliori, visto che oltre a tutte le definizioni esistono anche dei compiti pratici ben precisi che devono svolgere, tra cui:

  • Apporre la propria firma al termine del rito, a testimonianza della autenticità e regolarità della celebrazione avvenuta.
  • Conservare le fedi durante la cerimonia per poi passarle al sacerdote, nel caso di rito del matrimonio cattolico o di matrimonio misto, o allo sposo, nel caso rito civile, al momento richiesto.
  • Consegnare l’offerta al sacerdote, alla fine della cerimonia.
  • I testimoni avranno inoltre il compito di aiutare gli sposi nei preparativi del matrimonio, assistere la coppia anche moralmente e, non ultimo, se si tratta di amici, di prendere in mano l’organizzazione dell’addio al nubilato o al celibato.

Come si sono svolti i casting.

I candidato.
Brolli: “Per te cos’è il matrimonio”
I candidato: “Un pretesto per ubriacarmi”
NEEEEEXT

II candidato.
Brolli: “Dovrai firmare un foglio molto importante, come ti chiami?”
II candidato: “Charlotte Elizabeth Diana Case Libri Auto Viaggi Fogli di giornale”
NEEEEEXT

III candidato.
Brolli: “Uno dei tuoi compiti sarà quello di consegnare un’offerta al sacerdote. Che rapporto hai con il denaro?”
III candidato: “Quale denaro?”
NEEEEEXT

IV candidato.
Brolli: “Perché dovremmo scegliere te?”
IV candidato: “Le brave ragazze vanno in paradiso, le cattive dappertutto”
NEEEEEXT

Per tutti gli interessati i casting sono ancora aperti, mandateci una mail con una breve presentazione e due foto (primo piano + figura intera). Vi contatteremo al più presto.

brolli testimoni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...