#5 Il corso prematrimoniale. Ovvero San Vittore.

Una volta che si è più o meno unanimemente deciso di sposarsi in chiesa, scopri tutto un mondo. Ad esempio scopri che bisogna fare il corso prematrimoniale/corso fidanzati/catechismo dei grandi. E Brollo ha deciso di iscrivere la coppia al corso della parrocchia di San Vittore.

COS’È SECONDO www.nozzeitalia.it

La coppia affiancata da un sacerdote, percorre un percorso spirituale e vocazionale dove si è chiamati a valorizzare il fidanzamento, come tempo di conoscenza e di grazia; per poi toccare i principali aspetti, problemi ed esigenze che la coppia si ritroverà ad affrontare sin dal giorno del matrimonio.

I parroci godono di una libertà estrema nell’organizzazione del corso, che deve adattarsi alle esigenze delle singole comunità religiose, mantenendo intatte le tre regole fondamentali suggerite dalla Chiesa:
1. Teologica;
2. Psicologica; 
3. Morale;

A conclusione del corso prematrimoniale, viene rilasciato alla coppia un attestato di avvenuta frequenza, assolutamente indispensabile per richiedere la celebrazione del matrimonio secondo il rito religioso.

COS’È SECONDO brollisposi.wordpress.com

I Brolli entrano in uno stanzone sotto la chiesa di San Vittore a Piacenza: 40 persone assortite in base a criteri effettivamente ultraterreni che sbraitano e ridono, un prete teatrante, e quattro coppie di sposi anziani (nel senso di esperti e autorevoli, tipo gli anziani delle tribù). Si comincia con un giro di presentazione individuale: ognuno parla e tossisce senza mettersi la mano davanti alla bocca, alcuni non hanno intenzione di sposarsi a breve ma sentono la necessità di fare questo percorso (?), altri sono stati talmente entusiasti l’anno scorso che hanno deciso di frequentare una seconda volto il corso (!), infine i Brolli che si presentano così: “Ciao, io sono Brollo”, “Piacere, Brolla” (§) fine. Scopriamo che gli incontri sono 8, dalle 21 alle 23 di ogni martedì.

Ma scusate, cosa facciamo in questi incontri? Beh, leggiamo cose, parliamo, discutiamo, ecc. Ah, ok.

Le 40 persone si dividono in gruppi più o meno omogenei ed ogni gruppo è capitanato da una coppia di anziani che passa amorevolmente la sua esperienza a noi poveri ignari/ignavi.

Durante gli 8 incontri abbiamo affrontato i più disparati temi: teologici, dogmatici, etici, morali. Ma della vita di coppia quando? Ah già, mai.

“Ah ragazzi, non dimenticatevi che non è sempre rose e fiori il matrimonio: a volte capiterà di litigare e di non andare d’accordo”.

Grazie, questo proprio non lo sapevo.

Amen.

brolli prete

Annunci

3 commenti Aggiungi il tuo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...